Cip e Sky
L'Italia batte 3-2 la Svezia e migliora il 7° posto di VancouverVersione stampabile


immagine sinistra

Aspettavamo il risultato? E il risultato è arrivato! Non sarà una medaglia, ma il solo fatto di migliorare il 7° posto di Vancouver sta a significare che il movimento dell'ice sledge hockey italiano sta crescendo, e con lui la cifra tecnica dei giocatori in campo. L'Italia ha battuto per 3-2, in rimonta, la Svezia conquistando l'accesso alla finale 5°/6° posto. Un altro piemontese, inoltre, ha messo lo zampino sulla vittoria di oggi.

E' stata una partita ricca di significati e di emozioni, di cadute e risalite, come nella miglior tradizione degli sport di squadra. Una partita che, nei primi due tempi, sembrava stregata, con due reti subite da Kasperi proprio allo scadere quando la porta della Svezia veniva sommersa di tiri (addirittura 8-1 nel primo tempo). E poi? E poi serviva una vera impresa, anche psicologica, visto il rischio di lasciarsi prendere dalle tensione; un'impresa resa ancor più improbabile dagli interventi miracolosi del portiere scandinavo Nilsson. Nel terzo tempo, invece, gli azzurri i sono presentati in campo più concentrati che mai, trovando l'1-2 già al 3' con Gianluigi Rosa. Nel quarto tempo l'apoteosi, con il pareggio del nostro Gregory Leperdi e il gol vittoria, in pieno overtime, di Gianluca Cavaliere. Soddisfattissimo coach Da Rin: «Nell'intervallo tra il secondo ed il terzo tempo ho cercato di tenere tranquilli i ragazzi. Con questa vittoria abbiamo migliorato Vancouver, la quinta piazza finale varrebbe tantissimo». Venerdì, appuntamento con la storia, contro una tra Corea del Sud e Repubblica Ceca.

Per quanto riguarda le gare di domani, scenderanno in pista, nello slalom di sci alpino in programma alle 12.50 ora italiana a Rosa Khutor, Nicolò Maria Orsini e Andrea Valenti.



12/03/2014


SporTorino.it

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Ottobre  >>
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico