Cip e Sky
La concentrazione di Roberto: źDopo due Europei e un Mondiale sono pronto╗Versione stampabile


immagine sinistra

Quinto, e penultimo, appuntamento con le interviste agli atleti piemontesi in gara alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, in programma da domani al 18 settembre; oggi è il turno di un altro esordiente: Roberto Airoldi, 40enne arciere dell'Arcieri Cameri. L'atleta novarese, dopo aver partecipato a due Campionati Europei e un Mondiale (con tre bronzi a squadre), cerca la definitiva consacrazione internazionale a Rio.

Quali sono le tue aspettative?

Si tratta della mia prima esperienza ad altissimo livello: dal punto di vista sportivo ho sensazioni molto buone, negli ultimi quattro anni ho fatto ottimi passi avanti, soprattutto nella tecnica e nel tiro. L'obiettivo finale è quello di arrivare a medaglia sia nella gara individuale che in quella mixed team con Elisabetta (Mijno, ndr). Dal punto di vista dell'accoglienza non so bene cosa aspettarmi, posso solo basarmi sui racconti di chi ha già vissuto questa esperienza, voglio godermela fino in fondo, divertendomi e facendo divertire.

E le tue emozioni?

Sarà sicuramente impegnativo, ma dopo due Europei e un Mondiale dove sono riuscito a gestire bene la concentrazione mi sento pronto. In allenamento ho raggiunto tutti i miei obiettivi, sto bene fisicamente e arrivo nella condizione migliore per affrontare le Paralimpiadi con la giusta tranquillità. Se facciamo il nostro dovere abbiamo le qualità per arrivare tutti in finale; riuscire a qualificarmi per Rio pur svolgendo un'attività lavorativa a tempo pieno è già, comunque, una soddisfazione enorme.

Come ti stai preparando?

Abbiamo fatto l'ultimo ritiro un paio di settimane fa a Castenago (MO) per affinare gli ultimi dettagli, ora manca solo la rifinitura personale. Speriamo che la tensione non influisca sulle prestazioni, fortunatamente ho alle spalle un gruppo unito, tecnici e compagni che aiutano a non farti sentire il peso delle responsabilità. 

Qual è il morale della squadra a pochi giorni dall'inizio dei Giochi?

Il morale è alto, siamo tutti abbastanza tranquilli: chi è già alla sua seconda o terza Paralimpiade farà da trascinatore. Per gli esordienti come me c'è molta curiosità, non vediamo l'oro di iniziare.

Con chi andrai a Rio?

Andrò da solo per evitare distrazioni. In un primo momento avrebbe dovuto accompagnarmi la mia fidanzata ma, per cause di forza maggiore, resterà in Italia.



06/09/2016


SporTorino.it

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Novembre  >>
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico